Crescono le tonnellate di RAEE raccolte nel 2020

  • 20 Settembre 2021

Con l’entrata in vigore del nuovo digitale terrestre dal prossimo 15 ottobre molti consumatori dovranno cambiare il proprio televisore. Tra le principali conseguenze della transizione si prevede, per evidenti ragioni, un aumento della produzione di rifiuti speciali, che proprio in quanto tali devono essere adeguatamente smaltiti e non possono essere conferiti presso gli ordinari contenitori presenti su strada o nei condomini. Per facilitare questa operazione è stato stanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico un fondo di 250 milioni di euro per finanziare il bonus rottamazione, di cui i cittadini possono usufruire senza limiti di reddito a partire dal 23 agosto per ottenere uno sconto massimo di 100 Euro sull’acquisto di un nuovo apparecchio televisivo proprio in seguito allo smaltimento della vecchia tv.

Pur essendo fuori produzione da anni ancora risultano in uso quindi da smaltire prossimamente televisori con tubo catodico, molto più sensibili e fragili mentre i componenti di quelli a led sono più semplici da smistare. Per questo, la raccolta dovrà necessariamente essere integrata e efficientata per evitare uno scorretto smaltimento degli stessi.

Ulteriore problema è la scarsa diffusione dei centri di raccolta RAEE e, parallelamente, la possibilità (e non l’obbligo) per i commercianti di ritirare i rifiuti potendoli vendere al miglior offrente invece di destinarli ad impianti specializzati.

Nonostante questo nel 2020 sono aumentati i rifiuti conferiti in discarica del 3,20% sul 2019 per un totale di 478.817 tonnellate, pur registrando contemporaneamente una diminuzione della percentuale degli strumenti riciclati, allontanandoci sempre di più dall’obbiettivo europeo del 65%.

Sicuramente una maggior presenza sul territorio di impianti adeguati, mediante i fondi del PNRR, potrebbe contribuire ad aumentare l’utilizzo di questo servizio da parte degli utenti, eliminando la possibilità di generare traffici illeciti e di produrre inquinamento.

Lascia un commento