Plastica in mare e greenwashing, se Coca-cola, Unilever e Ikea fanno promesse da marinai

  • 4 Agosto 2022

Greenwash, creato dalla Changing Markets Foundation, denuncia le tattiche di greenwashing ingannevole utilizzate dai grandi marchi, tra cui Ikea e Coca-cola, per fuorviare i consumatori

 

Greenwash.com, creato dalla Changing Markets Foundation, denuncia le tattiche di greenwashing ingannevole utilizzate dai grandi marchi per fuorviare i consumatori da aziende come Coca-Cola, Unilever, Ikea, Tesco e il marchio di abbigliamento di Kim Kardashian Skims. Le affermazioni sulla plastica riciclata e riciclata sono tra le più comuni pur in assenza di prove sufficienti rispetto agli impegni presi. La ricerca della Fondazione ha rivelato una serie di esempi di prodotti, iniziative e pubblicità globali di rivenditori e produttori che oscurano il reale impatto della plastica sui consumatori.

Coca-cola e Head and Shoulders, due esempi di contraddizione

La Coca-Cola ha speso milioni di dollari in pubblicità dicendo ai consumatori che alcune delle sue bottiglie sono fatte per il 25% di plastica recuperata dal mare senza menzionare che è il più grande inquinatore di plastica del mondo. I consumatori sono incoraggiati ad acquistare lo shampoo Head and Shoulders di Procter & Gamble perché è fatto di “plastica presa dalla spiaggia” ma la bottiglia è tinta di blu, il che significa che non può essere ulteriormente riciclata.

Le buste non riciclabili di Unilever e l’impegno troppo faticoso richiesto da Tesco

Unilever ha sostituito le bottiglie di detersivo in Pet riciclabili con delle buste come parte del suo impegno ecologico. Ma a differenza delle bottiglie in Pet, le buste non sono riciclabili e contengono solo due ricariche. Tesco sta promuovendo imballaggi in plastica flessibile “riciclabili” nuovi e migliorati sui suoi prodotti, ma solo se i consumatori li riportano nei negozi più grandi, ed anche allora è improbabile che vengano riciclati.

Le responsabilità dei supermercati

Changing Markets ha recentemente lanciato il suo rapporto “Under wraps? Quello che i supermercati europei non ci dicono sulla plastica”, che ha evidenziato i programmi di ritiro della plastica morbida dei supermercati britannici come una falsa soluzione con i rifiuti che spesso vengono esportati in paesi come la Turchia, che hanno una capacità molto inferiore di affrontare l’inquinamento da plastica. Il rapporto ha anche evidenziato la mancanza di soluzioni sistemiche alla crisi della plastica da parte di oltre 70 supermercati analizzati, tra cui Tesco. The Coca-Cola Company è stata nominata per il quarto anno consecutivo il peggior inquinatore di plastica al mondo negli audit annuali del marchio Break Free From Plastic, Report #BrandAudit2021.

Anche l’italo-olandese Mentos tra i criticati

Mentre i produttori delle caramelle Mentos, il gruppo italo-olandese Perfetti Van Melle stanno facendo grande pubblicità a un nuovo imballaggio in scatola di cartone, non menzionano che si tratta di un materiale composito completamente non riciclabile fatto di cartone, alluminio e plastica.

La “gaffe” dell’intimo del marchio di Kim Kardashian

Anche il marchio di abbigliamento di Kim Kardashian, Skims, è stato ritenuto colpevole di greenwashing con la sua confezione di biancheria intima compostabile che affermava “I am not plastic” nonostante una piccola scritta affermasse che è plastica di tipo 4 o Ldpe (polietilene a bassa densità).

Le accuse a Ikea

Altre società colpevoli di greenwashing includono plastica oceanica recuperata da Ikea, che a partecipa all’iniziativa NextWave, con la promessa di “chiudere il rubinetto dell’inquinamento da plastica creando la prima rete globale di catene di approvvigionamento di plastica oceaniche”. Ikea ha lanciato la sua gamma Musselblomma di “tessuti sostenibili” realizzati con plastica in parte raccolta nel Mar Mediterraneo. Tuttavia, la produzione e l’acquisto di questi prodotti non impedisce in primo luogo a questa plastica di entrare nell’oceano e rimuovere anche le bottiglie in Pet dal circuito circolare.

La strategia comune che non passa dalla riduzione dell’immissione

Questi esempi mostrano che i marchi presentano materiali e vendono prodotti migliori per l’ambiente quando sono difficili da riciclare, non sono affatto riciclabili o utilizzano una piccola frazione di plastica finite nell’oceano che hanno raccolto attraverso varie pulizie. Anche i prodotti in plastica riciclata, come mobili e tessuti, sono spesso realizzati con bottiglie di plastica che sarebbe meglio riciclare in bottiglie, piuttosto che riciclate in prodotti di consumo non essenziali, in particolare in applicazioni che non consentono un ulteriore riciclaggio. Di recente, la Changing Markets Foundation ha unito le forze con Zero Waste Europe e l’industria delle bevande, chiedendo un riciclaggio a circuito chiuso e sistemi efficaci di restituzione dei depositi. I produttori di bevande hanno obiettivi obbligatori per la raccolta e il contenuto riciclato nell’UE.

Il portale Greenwash.com

Il portale Greenwash.com ha ricevuto più di 10mila visitatori dal suo lancio e ha già avuto un impatto significativo nel settore. Dopo essere stata precedentemente accusata da Changing Markets di greenwashing, H&M ha rimosso la sua etichetta “Conscious” dai vestiti che presentavano affermazioni green infondate. La Changing Markets Foundation chiede alle autorità di regolamentazione di reprimere il greenwashing. “Greenwash.com espone queste false affermazioni verdi per quello che sono, una rapina alla luce del giorno del diritto del consumatore e della capacità di giudicare il prodotto. Fa luce su quanto i marchi e i rivenditori siano disperati nel mantenere gli affari come al solito mentre inducono i consumatori a pensare di fare scelte etiche” spiega la Changing Markets Foundation, “Dobbiamo chiudere il rubinetto della plastica una volta per tutte prima che la crisi dei rifiuti di plastica diventi fuori controllo, ma per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo prima fare pressione sui marchi globali affinché confessino la loro dipendenza dalla plastica. Gli acquirenti non devono più essere tenuti all’oscuro della realtà della plastica nei loro acquisti”.

 

 

FONTE: Il Salvagente – www.ilsalvagente.it

Lascia un commento