Vietato l’utilizzo di prodotti in plastica destinati al contatto con gli alimenti contenenti bambù

  • 2 Dicembre 2021

Il Ministero della Salute ha emesso una specifica nota informativa relativa all’utilizzo di materiali e oggetti destinati al contatto con gli alimenti (Moca) in plastica contenenti “polvere” di bambù. Il documento ribadisce quanto già previsto dalla normativa comunitaria vigente, in base alla quale “la polvere di bambù e sostanze simili, compreso il mais, non sono autorizzate dal Regolamento UE n. 10/2011 per l’uso come additivi nella produzione di Moca in plastica”. Tali sostanze non sono state sottoposte ad una valutazione del rischio da parte dell’Efsa e non possono quindi essere ritenute idonee al contatto con i cibi.

La nota evidenzia come negli ultimi due anni siano state registrate dal sistema di allerta europeo RASSF numerose notifiche riguardanti proprio gli oggetti in plastica destinati al contatto con gli alimenti a cui è stata aggiunta polvere di bambù, nei quali è stata peraltro riscontrata una migrazione di melammina e formaldeide – sostanze che costituiscono la base delle resine con cui sono realizzati i Moca – a livelli notevolmente superiori ai limiti ammessi dalla legislazione europea.
Nella circolare, quindi, si ribadisce il divieto di utilizzo di tali prodotti.

Lascia un commento